Potenza. De Luca: Basta condizionamenti, governo va avanti

Prima le “indicazioni” del segretario cittadino del Partito Democratico per entrare in maggioranza, poi le dichiarazioni di Carretta, esponente importante in consiglio comunale che affermava il contrario e anzi invitava a proseguire il mandato senza l’appoggio del suo partito. Il primo cittadino di Potenza, Dario De Luca, affida al Quotidiano della Basilicata l’ultima panoramica in ordine di tempo sul difficile equilibrio politico nel capoluogo lucano.

Ago della bilancia è l’ormai perenne cambio di posizionamenti assunto dal PD già all’indomani dell’elezione del sindaco di centrodestra – nel giugno 2014 – minato dall’anatra zoppa ma rimasto in piedi con una giunta rivista e corretta grazie al sostegno a maggioranza dell’aula. Alcuni esponenti del partito di centrosinistra, pur in contraddizione con la base guidata dal segretario potentino Sarli, ha condiviso e sostenuto il governo. Una posizione che ha dato il via a delle aperture poi ritirate e definite da De Luca come “schizzofreniche”.

In settimana – emerge nell’intervista – ci sarà la convocazione del tavolo della maggioranza, a prescindere dalle beghe interne al Partito Democratico “per discutere – ha dichiarato il sindaco – di alcune attività amministrative”. Non emerge alcuna preoccupazione rispetto alla proposta ritenuta assolutamente politica di ridurre la giunta da 9 a 6 assessori. Anzi, De Luca invia un messaggio chiaro: “stiamo ottenendo buoni risultati , abbiamo messo in sicurezza i conti, con ogni probabilità ci sarà l’equilibrio di bilancio entro fine anno. Se qualcuno ha qualcosa da dire – ha chiuso – sono disponibile ad ascoltare. Ma se qualcuno vuole invece rompere, sono disposto ad affrontarlo”.

Share Button