Nuova riunione del Consiglio comunale di Matera.

Lavori del Consiglio Comunale di MateraMatera – Nuova riunione per il Consiglio Comunale di Matera. Questo l’ordine del giorno trattato: Area Metropolitana Città di Matera – Gestione associata del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti urbani per i comuni del Sub-ambito 1; adesione al Sub-ambito del Comune di Ferrandina; approvato all’unanimità. Piano delle alienazioni anni 2016 – 2017 – 2018 e valorizzazioni immobiliari; approvato con 20 voti a favore e 9 contrari. Verifica quantità e qualità di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie; anche in questo caso approvazione con 20 voti a favore e 9 contrari. Bilancio di previsione 2016, bilancio pluriennale 2016-2018, elenco annuale 2016 e programma triennale dei lavori pubblici 2016-2018; nella circostanza, dopo un acceso dibattito con interventi di esponenti della maggioranza e della minoranza, approvazione con 20 voti a favori ed 1 contrario (l’opposizione ha abbandonato l’aula). “L’approvazione del bilancio di previsione 2016 rappresenta una tappa essenziale per il futuro percorso del governo cittadino”. Così il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, ha commentato l’approvazione del documento finanziario, aggiungendo: “ E’ un bilancio che mentre vive il rigore di stringenti normative che, di fatto, lo hanno ingessato negli storici capitoli di spese correnti, vive l’espansione sul versante degli investimenti garantiti da risorse esterne inseguite e catturate. Anche in presenza della pesante riduzione dei trasferimenti statali e del blocco delle imposte, sono stati garantiti i servizi essenziali e indispensabili della città, dalle politiche sociali e scolastiche alla mobilità urbana e ai rifiuti. Gli investimenti, di contro, vivono di cospicue risorse rivenienti dalla recente legge statale finanziaria, dai fondi regionali e da quelli di Sviluppo e Coesione. Se riusciremo a sconfiggere l’agguato sconsiderato di antichi e recenti guastatori – ha precisato ancora il sindaco – il 2016 potrà godere di finanziamenti per oltre 60 milioni di euro per attrezzare la qualità urbana e sociale della città. Inizierà quindi l’attuazione del programma elettorale lungo la dorsale ferrata (Fal) nord-sud della città, le arterie stradali essenziali per la mobilità interna (tangenziale e parcheggi), la attuazione dei quattro parchi tematici della Storia dell’Uomo, le Officine della Cultura, l’inizio della realizzazione del Museo Deomoantropologico e della struttura polifunzionale di comunicazione culturale (“Guerrieri” di Matera). Sarà la presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, altro autorevole appuntamento istituzionale, a sciogliere i nodi della accessibilità esterna a Matera (strade e ferrovie). L’approvazione del bilancio, inoltre, ha confermato la tenuta della maggioranza: voti compatti di fiducia dei consiglieri della coalizione che governa la città hanno smentito illazioni, sospetti e paura. Con il documento politico contabile approvato, si potrà percorrere con più forza e coerenza il tragitto gestionale e amministrativo. Non possono – ha proseguito De Ruggieri – creare ombre su tale conclusione amministrativa e politica le eccezioni formali prodotte dall’area di centrosinistra della minoranza. Ancora una volta si inseguono presunte illegittimità formali per tentare di affossare il bilancio comunale, non avendo alcuna concreta questione di merito da censurare o da denunciare. Invocare modifiche sostanziali al piano triennale delle Opere pubbliche è un tentativo inutile per riproporre la minaccia di percorsi giudiziari, ignorando che non si tratta di modifiche sostanziali bensì rimodulazione finanziaria e/o di puntuale specificazione e di adeguamento di voci di opere pubbliche già inserite nella delibera madre del gennaio 2016. L’attacco frontale al dirigente dei Lavori pubblici – ha poi concluso – appartiene al rito dell’aggressione “alla nuora perché suocera intenda”, ma la suocera non solo garantisce la legittimità degli atti del dirigente ma ne apprezza il pesante, quotidiano lavoro che sta dando efficienza a un ufficio comunale trovato in disarmo e demotivato.

Share Button