Benedetto (CD) a Liberali: non è in grado di fare il magazziniere figuriamoci l’assessore

Nicola Benedetto - Consigliere Regionale Centro DemocraticoNell’occhio del ciclone il consigliere regionale Nicola Benedetto (Centro Democratico) per una dura dichiarazione rivolta all’assessore lucano Raffaele Liberali: “Forse non è in grado nemmeno di svolgere funzioni di magazziniere in un’azienda, figuriamoci di fare l’assessore alle politiche industriali “.

Parole inaccettabili per il capogruppo del PD in Consiglio Regionale, Roberto Cifarelli che “vanno rispedite al mittente” per la loro offensiva volgarità. Per Cifarelli “un conto è criticare, anche duramente, l’attività di un esponente del governo regionale, sul quale peraltro esprimiamo un giudizio positivo per l’attività sin qui posta in essere in un contesto di crisi socio economica senza precedenti. Altra cosa, è banalizzare il confronto politico-amministrativo sviluppatosi nel corso dell’ultima seduta del consiglio regionale  con  espressioni  poco consone al ruolo istituzionale ricoperto, che evidenziano una brutta caduta di stile da parte del collega Benedetto”.

Difende il suo assessore dagli attacchi anche il presidente della Giunta Regionale, Marcello Pittella “il consigliere Nicola Benedetto ha superato la misura. Le sue parole verso l’assessore Liberali sono ingiuste e inaccettabili”.

Nel primo pomeriggio, Nicola Benedetto si è detto “disponibile ad un confronto pubblico con il difensore di ufficio (Cifarelli) e lo stesso assessore per un contradditorio nel merito delle problematiche che hanno trovato in Consiglio condivisioni trasversali nel senso che sono state riprese sia da esponenti della maggioranza che delle minoranze, oltre che da associazioni delle categorie direttamente interessate al provvedimento”.

Il comunicato stampa di Benedetto

Benedetto ha infatti diramato un duro comunicato stampa rivolto all’assessore con lo scopo di “smentire l’eccessivo e del tutto ingiustificato ottimismo sulle modalità di svolgimento dell’avviso pubblico per i PIA (piani di sviluppo industriale)”

Secondo Benedetto l’esponente di Giunta si “ostina a rinchiudersi in una stanza del Dipartimento senza ascoltare gli imprenditori e senza verificare sul campo il gradimento delle misure esclusivamente burocratiche dei bandi”.

“Credo che il Presidente Pittella” ha concluso “non possa non prendere atto che con la brutta figura rimediata dall’Assessore in Consiglio in gioco c’è la credibilità del Governo Regionale nei confronti degli imprenditori come dei cittadini senza lavoro e di conseguenza debba ricredersi sulla scelta effettuata. Forse Liberali non è in grado nemmeno di svolgere funzioni di magazziniere in un’azienda, figuriamoci di fare l’assessore alle politiche industriali “.

Share Button