Pittella accelera i tempi della legge regionale sulla Editoria

ODG Pittella LacorazzaPOTENZA – “Abbiamo intenzione di accelerare i tempi, per portare in approvazione in giunta, prima della pausa estiva, il disegno di legge sull’editoria”.

Lo ha detto oggi a Potenza, il governatore lucano Marcello Pittella, nel concludere i lavori – insieme al presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza – del seminario organizzato dall’Ordine dei Giornalisti, nella sala convegni della Biblioteca nazionale, per discutere proprio della nuova legge regionale sull’editoria che sarà promulgata nei prossimi mesi.

“Nell’elaborazione finale – ha spiegato il presidente – cercheremo di tenere dentro gran parte delle considerazioni che sono arrivate quest’oggi da parte dei giornalisti e degli addetti ai lavori. Dopo l’estate ci sarà il necessario lavoro di approfondimento, anche attraverso le audizioni delle commissioni consiliari, affinché si possa far partire il dispositivo entro la fine dell’anno. Per quanto riguarda le risorse – ha detto ancora – saranno utilizzabili fondi comunitari ma anche nazionali”.

Secondo il presidente della Regione, “è necessario creare i presupposti per la profondità di analisi. Nel tempo della velocità del mondo dell’informazione dobbiamo essere in grado di fare un’azione di accompagnamento alla profondità e alla consapevolezza. In molte occasioni, in riferimento a fatti specifici e argomenti sensibili, come ad esempio quelli che concernono le estrazioni petrolifere – ha proseguito Pittella – ho sottolineato come sia indispensabile fare informazione vera. L’obiettivo della legge è quello di abbandonare il disfattismo, nella volontà e nello sforzo profondo di creare consapevolezza, in una società che è sempre più distante dalla lettura e dall’approfondimento. Non possiamo più accontentarci di un tweet, di mezze informazioni raccolte al bar, di semplificazioni. Dobbiamo – ha ribadito il governatore -puntare all’approfondimento attraverso la professionalità dei giornalisti, nell’ottica della consapevolezza e della crescita culturale della società. Questa legge – ha continuato – sarà un’occasione per creare occupazione, per stabilizzare quella esistente, per consentire un sostegno giusto agli editori, ma anche per garantire la diversità della comunicazione e per la crescita della consapevolezza diffusa della nostra società”. Il governatore, inoltre, ha ricordato che la Regione Basilicata “si è già mossa con investimenti significativi nelle infrastrutture immateriali, ad esempio con la banda ultralarga, che consente di portare Internet veloce in 35 comuni e in quattro aree industriali”.