#AbusivoTour la campagna del Movimento 5 Stelle contro l’affissione illegale dei manifesti elettorali

Antonio Materdomini, candidato sindaco Movimento 5 Stelle alle Comunali Matera 2015

Antonio Materdomini, candidato sindaco Movimento 5 Stelle

“Il rispetto delle regole democratiche rappresenta per noi una parola d’ordine. Pertanto abbiamo oggi sporto denuncia, presso le istituzioni competenti, contro le affissioni abusive. Inoltre invitiamo tutti i cittadini a partecipare alla campagna informativa #AbusivoTour”.

Ad informare circa contenuti e finalità della campagna è Antonio Materdomini candidato sindaco del M5S di Matera.

Obiettivo dell’iniziativa #AbusivoTour sarà quello di denunciare alle istituzioni e all’opinione pubblica – tramite foto e video postati in tempo reale sulla pagina Facebook Matera Cinque Stelle o su Twitter utilizzando l’hastag sopra citato – i nomi dei partiti e dei candidati che pur richiamando i principi di legalità, non fanno altro che violare la legge. La campagna prevede anche la rimozione dei manifesti affissi abusivamente che vedrà i candidati consiglieri pentastellati impegnati in prima persona nella pulizia delle affissioni illegali.

“Eppure, al riguardo, il regolamento comunale di Matera non lascia spazio ad alcuna interpretazione. Invece nei fatti, i periodi di campagna elettorale sono quelli più bui in materia di decoro urbano e rispetto delle leggi; questi momenti dovrebbero invece rappresentare un momento di raccolta di idee, contenuti, esempi da portare avanti una volta eletti.. I manifesti abusivi, di cui tutti, escluso il M5S, fanno larghissimo uso, sono il peggiore esempio di come le città non dovrebbero essere. Non solo. Spesso i comitati elettorali espongono illegalmente manifesti visibili sulla strada e utilizzano treppiedi sui marciapiedi occupando abusivamente suolo pubblico. Molte vele restano ferme ore ed ore quando invece dovrebbero sostare per al massimo un’ora” dichiarano candidati consiglieri del M5S.

Conclude Materdomini: “Rispettare il decoro urbano e la legalità è una qualità che a certe persone manca. Come si può legittimare una candidatura politica a consigliere di qualcuno che fa campagna elettorale esponendo la sua faccia dove non dovrebbe? Come può essere credibile chi rivendica nella sua candidatura una novità rispetto al passato, quando i comportamenti sui muri delle città sono identici da decenni?”