- trmtv - https://www.trmtv.it/home -

Ok dalla Camera allo Sblocca Italia. Modifiche e novità.

camera dei deputati okApprovato lo Sblocca Italia stamane alla Camera, di fatto sarà una formalità il passaggio in Senato. Cosa cambia dunque per la Basilicata?

La card carburante confluirà in un fondo per la coesione sociale; dal patto di stabilità saranno espunti 50 milioni di euro per il 2014, e di anno in anno sarà quantificata la cifra dell’esonero; il 30% dell’Ires su tutte le estrazioni successive a settembre 2014, comprese quelle relative agli accordi del ’98 e del 2006, confluiranno in un fondo di sviluppo economico ed infrastrutturale. E nel controverso e contestato art. 38, sono stati introdotti dei correttivi che, pare, terranno conto del ruolo della Regione. Ma in tal senso un’azione politica era già stata posta in essere ieri grazie all’approvazione di un odg a firma Folino, Speranza, Antezza che prevede un massimo estraibile di 154 mila barili/giorno.

Questo il risultato dello Sblocca Italia. Poco? Tanto? Si segna un cambio di passo dopo anni? La Regione ha intrapreso finalmente un’interlocuzione proficua? In seguito all’approvazione del DL 133 sono arrivati intanto i primi commenti.

Il Presidente della Giunta regionale, Pittella ha espresso entusiasmo rispetto a quanto ottenuto e anche rispetto al lavoro svolto in sinergia con tutte le istituzioni, ai vari livelli. “E’ un successo epocale – ha commentato – un ringraziamento va a Speranza ed Antezza per il lavoro tecnico e politico determinante” ma “apprezzo anche l’onestà intellettuale dell’onorevole Folino che per quanto astenutosi dal voto riconosce il valore di questo risultato”. E proprio Folino, in un comunicato stampa, illustrando “le modifiche sostanziali e significative” al decreto, scrive “perchè astenersi nel voto finale? Per dire (…) al Governo (…) che il petrolio deve essere estratto per necessità, con cautela, con tutte le attenzioni (…)”.

Al di là dei primi commenti e del dato puramente politico che significherà, probabilmente, il cambiamento anche della geografia politica regionale, Pittella incalzato in merito all’art. 38 parla di “un irrobustimento per quanto riguarda le garanzie e le tutele del territorio. Non solo – ha detto – diventa indispensabile l’intesa con la Regione per il rilascio delle autorizzazioni ma si introduce la pre-valutazione concertata su VIA e VAS”.

Provando a tracciare un risultato, si tratta di altri gol che si aggiungono all’1 a 0? Forse è appena iniziata quella battaglia intrapresa con toni forti dal governatore o forse è il tempo di una nuova interlocuzione? Entro la fine della settimana prossima intanto, il governatore – come ci racconta – farà una comunicazione di “dettaglio” sullo Sblocca Italia e su tutte le iniziative da intraprendere a tutela della salute e dell’ambiente. L’intento è quello di incontrare in maniera prioritaria i cittadini.

Share Button