Il patto col diavolo di Pittella. Si, dal consiglio dal Consiglio regionale al Ddl.

Marcello Pittella in Consiglio Regionale

Marcello Pittella in Consiglio Regionale

ll governatore lucano alla fine convince tutti. Anche il Consiglio regionale che, ieri, ha approvato a maggioranza, con 11 voti, il Disegno di legge per divincolare dal patto di stabilità le royalties del petrolio. Il ddl, annunciato con “urgenza e drammaticità” da Pittella solo il 20 giugno scorso in un incontro a sorpresa con la stampa, è ora legge regionale, che, se dovesse avere i risultati auspicati, potrebbe ridare fiato all’economia lucana.

Ma l’approvazione della “misura” pittelliana, è arrivata solo dopo un ampio dibattito che ha visto contrapporsi diverse posizioni. Alla chiamata alle armi, hanno risposto senza batter ciglio, i consiglieri del Pd, che hanno richiamato l’unità del consiglio su un “tema – ha detto Cifarelli – il cui esito non è affatto scontato”. A loro si sono uniti Galante di Realtà Italia e Mollica dell’Udc. Ma a favore hanno votato anche Castelluccio e il  meno convinto Michele Napoli, il quale ha espresso tante perplessità  alla modalità “solitaria” e “da prova muscolare” utilizzata da Pittella per affrontare una “battaglia” tanto delicata.

Non si è smosso dalla sua posizione contraria invece Gianni Rosa di Fdi il quale più volte ieri ha chiesto al governatore di trovare uno strumento politico differente, che non corra il rischio come il Ddl di essere dichiarato incostituzionale.

Il risultato è stato comunque l’approvazione della misura, tanta difesa dal presidente che, nei 27 minuti della sua relazione introduttiva, ha sottolineato più volte il rischio “esplosione” regione, ha ribadito di voler combattere fino alla fine, oltre ad illustrare l’esito dell’incontro con il ministro Lanzetta dal quale, secondo Pittella, è emerso che la Basilicata con la sua presa di posizione stia facendo da traino anche per le altre regioni del meridione. Lunedì intanto è atteso l’incontro con i parlamentari lucani. Staremo a vedere quale sarà l’esito.