Il Consiglio regionale di Basilicata approva una risoluzione sulla “Riforma Titolo V”

Consiglio Regionale di BasilicataPOTENZA – Il Consiglio Regionale di Basilicata è torneo a riunirsi questa mattina a Potenza tra i banchi di Viale Verrastro. Dopo l’avvio lo scorso 2 Aprile, il lavoro è proseguito sulla riforma del bicameralismo e del Titolo V della Costituzione, presentata a marzo dal Premier Matteo Renzi ed in discussione in tutte le assemblee regionali d’Italia.

Primo ad intervenire, il consigliere del PD Vito Santarsiero, il quale ha parlato del ruolo della politica, ancora lontana dalla gente e fermata dagli scandali che hanno coinvolto anche la Basilicata, consegnando una impalcatura istituzionale da rivedere. Sottolineatura sull’ipotesi di macroregioni, su cui Santarsiero si è detto contrario.

Il dibattito è proseguito per tutta la mattinata, con interventi tra gli altri del consigliere Michele Napoli di Forza Italia ed il Capogruppo PD Roberto Cifarelli.

Prima dell’avvio di seduta, il Presidente del Consiglio Piero Lacorazza ha rivolto un saluto ad alunni e docenti dell’Istituito scolastico comprensivo di Ruoti, Balvano e Baragiano, presenti tra il pubblico e per una visita nei palazzi regionali.

Con il documento si dà pieno mandato al presidente della Giunta regionale perché si faccia portavoce con i vertici istituzionali dello Stato di quanto emerso nel dibattito in particolare in relazione alla materia ambientale

Al termine del dibattito, è stato approvato a maggioranza (con la sola astensione del M5s) un documento proposto da tutti i capigruppo tranne quello del Movimento 5 stelle con il quale “sì dà mandato al Presidente della Giunta, perché si faccia portavoce con i vertici istituzionali dello Stato di quanto emerso nel corso del Consiglio regionale della Basilicata dedicato al tema delle riforme costituzionali, in particolare in relazione alla materia ambientale, determinante in questa regione e contenuta nel DDL di riforma del Titolo V”.

Share Button