GdF. Danno erariale a Regione per oltre 600mila euro. Segnalati consiglieri e dirigenti alla Corte dei Conti

CAMERA ARDENTE DEL SENATORE A VITA EMILIO COLOMBOPOTENZA – Il locale Nucleo di Polizia Tributaria al fine di monitorare e razionalizzare la spesa delle amministrazioni pubbliche, nei giorni scorsi, a seguito di complesse ed articolate indagini, ha inoltrato alla Procura Regionale della Corte dei conti una dettagliata informativa contenente gli estremi di una segnalazione per danno all’erario, pari ad oltre 600.000 euro, e la segnalazione per responsabilità erariale dei Consiglieri e Dirigenti della Regione Basilicata riferibile all’VIII legislatura.

L’attività di servizio, gemella di parallele inchieste avviate da Procure ordinarie e contabili di altre Regioni d’Italia, si è incentrata sulla verifica della congruità delle spese di rappresentanza sostenute, ex art. 11 della legge regionale n. 8/1998, e sull’analisi dei rimborsi percepiti, ex art. 8 della legge regionale n. 38/2002.

Le indagini, sviluppatesi attraverso meticolosi riscontri, dopo l’acquisizione della documentazione presso gli Uffici regionali ed il conseguente esame della normativa di riferimento, hanno consentito di evidenziare un distorto ed incongruo utilizzo del pubblico denaro da parte di amministratori regionali, che avrebbero impiegato i fondi del capitolo spese di rappresentanza loro assegnati “con modalità e per finalità non istituzionali”, ed ottenuto il rimborso delle spese di carburante – necessario per raggiungere il capoluogo – eccedente il dovuto.

In virtù di ciò, è stato segnalato complessivamente un danno erariale alla Procura Regionale della Corte dei conti della Basilicata per oltre 600.000 euro riferibile al periodo finale dell’VIII Legislatura.

Su tale fenomeno, l’impegno delle Fiamme Gialle potentine si è espletato in totale sinergia con l’attività della Procura contabile che ha disposto un ampliamento del perimetro delle indagini rispetto a quanto già contestato in sede penale .
E’ nota la particolare attenzione del Governo centrale al contenimento della spesa pubblica e il diuturno impegno profuso dal Corpo nel particolare settore operativo di polizia economico-finanziaria, fortemente impegnata nel contrasto allo sperpero di denaro pubblico, ne costituisce prova.

Dall’inizio dell’anno, e con l’odierna segnalazione, sono oltre 9 i milioni di euro segnalati per “danni erariali”, da parte delle Fiamme Gialle potentine, alla Procura Regionale della Corte dei conti della Basilicata, mentre sono tuttora in corso approfondimenti istruttori inerenti le medesime fattispecie relative alla IX Legislatura.

Share Button