Regolamento sui controlli interni, atto secondo

Consiglio ComunaleMATERA – Regolamento sui controlli interni, atto secondo, fra le polemiche e le critiche della vigilia, con la seconda convocazione del Consiglio Comunale di Matera, che si è resa necessaria, dopo lo scioglimento dell’assemblea di giovedì scorso, per mancanza del numero legale. Il secondo atto dunque di una discussione, dedicata al regolamento sui controlli interni, sulla quale non sono mancate ancora una volta le sorprese. A partire dal taglio che la seduta ha via via assunto, nella parte iniziale, quando la verifica politica, in pillole, all’interno della maggioranza ha per così dire preso il sopravvento sull’ordine del giorno. Significativo a questo proposito il botta e risposta fra il Sindaco e il consigliere Scarola, che ha accusato il governo cittadino di aver marginalizzato il ruolo del Consiglio, negli ultimi due anni. Molte questioni, come la gestione dei parcheggi e le risorse per procedere alla riqualificazione della scuola di via Bramante, ha rincarato Scarola, sono rimaste in sospeso. Duro anche il commento del consigliere Tortorelli, dai banchi della minoranza. Uno spettacolo penoso, ha ribadito, e il Sindaco finge di non comprendere le preoccupazioni dei Consiglieri. Non stiamo tramando e non vogliamo far cadere nessuno. Rimaniamo all’opposizione, ha sottolineato invece il consigliere, Acito. La sua proposta di analizzare ed emendare, eventualmente, ogni singolo articolo del dispositivo, è stata quindi accolta dall’assemblea. Che successivamente ha finalmente approvato il provvedimento a maggioranza.