Il Partito che fece l’Italia. Dalla Democrazia Cristiana al neo-centrismo

MATERA – Dal tweet di Casini, con Alfano e Bersani, all’inquadratura bipartisan, in chiave locale, la vedete nelle immagini del video riportato nella pagina, di De Filippo e Latronico, accompagnati dal senatore Udc, D’Onofrio. Un tentativo, forse azzardato ma non eccessivamente spinto, di voler scorgere in due immagini diverse ma politicamente affini, la traduzione della formula che tanto sta tentando i vertici della politica italiana. E non solo. Del resto a richiamare ieri a Matera, il Governatore Lucano e diverse personalità di rilievo della politica locale e nazionale, è stata la presentazione del libro di Giovanni di Capua e Paolo Messa, “Dc. Il partito che fece l’Italia”. E quando si parla della Dc, del suo potere ultra decennale in Italia, dal 43 al 93, difficile non fare il salto, quello che conduce dalla Storia alla cronaca politica, dalla gloria di un Partito, che seppe essere, insieme, nazionale, democratico e laico, ai più recenti sviluppi della politica italiana e lucana, e delle loro, ormai piuttosto manifeste, tentazioni neocentriste. La Basilicata, sottolinea a questo proposito, De Filippo, rappresenta un modello a livello nazionale. La formula del centro-sinistra lucano, ribadisce, riesce a unire e dare voce a tutte le componenti. Il neocentrismo, secondo il Governatore lucano, rappresenta dunque un modello superato, da consegnare alla storia. Dalla storia alla cronaca politica dunque. E dalla cronaca agli scenari futuri. Anche qui il passo è breve. Il conto alla rovescia è partito e la campagna elettorale che condurrà alle Politiche del 2013 è di fatto già iniziata. Resta però ancora un nodo da sciogliere: Pd, PdL e Terzo Polo ancora insieme dopo il 2013? Per il capogruppo dei Senatori Udc, D’Onofrio, l’alleanza potrebbe riproporsi anche fra un anno. Il vero scoglio sarà però rappresentato, sottolinea, dal secondo semestre del 2012. Fra corsi e ricorsi, quindi, alla scoperta della Balena Bianca, di quella gigantesca macchina politica che fu la Democrazia Cristiana. Il Partito delle innumerevoli correnti, un po’ maggioranza e un po’ opposizione. La Dc che gestì il boom economico e traghettò il Paese dal medioevo etico e moralista alla modernità.