Rifiuti, incompatibilità degli incarichi e sanità al centro del Consiglio Comunale di Matera

MATERA – Diversi i temi all’attenzione della massima assise comunale di Matera, che è tornata a riunirsi ieri, nella sala Pasolini, posta nel centro commerciale di via Sallustio. Sulla questione rifiuti si sono soffermati, nelle loro interrogazioni, i consiglieri Toto e Pedicini, con particolare riferimento rispettivamente alle linee guida per la delocalizzazione dell’impianto de “La Martella” e ai livelli della raccolta differenziata a Matera. La città di Matera, ha sottolineato l’assessore al ramo, Falcone, è in fase di avvio: non siamo, ha ribadito, una comunità virtuosa né una comunità esperta. Le direttive comunitarie, ha ricordato Falcone, si fanno sempre più stringenti e presto dalla valutazione della raccolta differenziata lorda si passerà a quella del riciclaggio netto. L’obiettivo, ha sottolineato ancora Falcone, rimane l’estensione della raccolta differenziata a tutto il territorio e il miglioramento del servizio. Il tema delle linee guida, ha inoltre ricordato, è ormai superato dal Piano Provinciale dei Rifiuti. In ogni caso, ha concluso, l’impianto di compostaggio verrà fatto altrove. L’assessore Giordano, chiamato a rispondere sulla questione Bucci, da un’interrogazione ancora a firma del consigliere Pedicini, ha ricordato, come sottolineato dai vertici dell’Asm, nelle scorse settimane, che gli standard chirurgici, attualmente conseguiti, continueranno ad essere garantiti e migliorati ulteriormente, anche grazie alla stipula di una convenzione con la clinica Chirurgica dell’Università di Chieti. È toccato quindi al Sindaco rispondere ad una interrogazione, proveniente ancora dai banchi del PdL, sulla posizione giuridica del Capo di Gabinetto Cifarelli. Negli anni, ha detto Adduce, non vi sono state iniziative che facessero pensare ad una incompatibilità come portavoce, prima, e poi come Capo di Gabinetto. Non apparteniamo, ha detto il Sindaco, al Partito che si ispira allo Stato Etico. Sulla questione relativa alla riapertura e alla gestione del Centro Diurno per l’Handicap Grave, si è soffermato l’intervento del capogruppo del PdL, Saverio Acito. L’interrogazione, ha sottolineato, arriva tardi, rispetto all’evoluzione della situazione e all’espletamento della gara di appalto. Rimane però ancora in piedi, fa notare Acito, il problema relativo al regolamento per la gestione del centro. Nel corso della seduta di ieri, il Consiglio Comunale si è anche occupato dell’assenza di entrate ed uscite idonee sul principale asse viario Matera – Altamura, grazie ad una interrogazione presentata dal Consigliere Caputo, e del Piano di Lottizzazione Acquarium.

 

Share Button