Vie Blu, i sindacati minacciano lo sciopero

Antonio Lapadula

Antonio Lapadula

POTENZA – Fai Flai Uila minacciano il ricorso alla sciopero sulla vertenza degli lavoratori impiegati amministrativi e tecnici del progetto Vie Blu in provincia di Potenza ancora in attesa di essere riassunti dalle rispettive aree programma. Nel mirino dei sindacati sono soprattutto le amministrazioni comunali di Avigliano, Tito e Sant’Arcangelo, rispettivamente comuni capofila delle aree programma Basento-Bradano-Camastra, Marmo-Platano-Melandro e Val d’Agri, che non hanno ancora proceduto alla firma delle relative convenzioni con la Provincia di Potenza per l’assunzione del personale impiegatizio.

“Ancora una volta – spiegano i segretari generali di Fai Flai Uila, Antonio Lapadula, Vincenzo Esposito e Gerardo Nardiello – si sta dimostrando in tutta la sua evidenza il completo fallimento del modello di governance basato sulle aree programma. Sulla vertenza degli amministrativi e tecnici del progetto Vie Blu stiamo assistendo al solito rimpallo di responsabilità tra i troppi enti coinvolti nel progetto, con il solo risultato che, a distanza di qualche settimana dall’avvio dei cantieri sul territorio, una settantina di lavoratori è senza lavoro e senza reddito, se non quello dell’indennità di disoccupazione. Se dovesse perdurare questa situazione di stallo – minacciano i tre dirigenti sindacali – non esiteremo un minuto a proclamare lo sciopero”.