Matera, il bistrot etico Panecotto tra i migliori 200 ristoranti in Italia

Ci sono due ristoranti lucani nella guida dedicata al meglio della ristorazione italiana, stilata da 50 Top Italy. Un progetto firmato LSDM (storico congresso di cucina d’autore in scena dal 2008 a Paestum) e curato dai suoi ideatori, Barbara Guerra e Albert Sapere, insieme al giornalista Luciano Pignataro.

Due le categorie in cui viene premiata la Basilicata: Vitantonio Lombardo è nella Top 50 Italy Ristoranti oltre 120 euro 2020, mentre Panecotto lo troviamo tra i migliori 50 low cost in Italia, con questa motivazione:

“Raramente si incontrano posti come Panecotto: luogo in cui si dà valore al lavoro di disabili e rifugiati scappati dalle loro terre, attraverso una cucina etica che racconta il patrimonio enogastronomico materano con prodotti di filiera corta e agricoltura sociale. Lo trovate nel cuore del centro storico, all’interno di un’antica abitazione rupestre scavata nella roccia di tufo allestita in modo sobrio e curato. Tra i piatti nel menu – dove non vi è nessun primo – potete scegliere, appunto, il “panecotto” (da provare quello con pane di Matera ricoperto da fave, cicoria, caciocavallo e peperone crusco sbriciolato), la tipica “cialledda” (un’insalata di pane con pomodorini, mozzarella, sedano, rucola, origano, cipolla, limone e olio della Basilicata) o zuppe della tradizione contadina. Si chiude con golosi dolci fatti in casa. Carta dei vini breve e giustamente territoriale”

Panecotto

A dare i voti, nel pieno rispetto dell’anonimato, dell’autonomia e, ovviamente, pagando il conto, una giuria composta da 130 ispettori. Rivoluzionario il metodo di giudizio, con grande rilievo dato al servizio e all’accoglienza, elementi fondamentali di una ristorazione attenta alla propria clientela.