Coldiretti Puglia, bilancio positivo nel ponte di Ognissanti: più vacanzieri in Puglia

Secondo le rilevazioni di Coldiretti Puglia, il ponte di Ognissanti ha registrato numeri positivi su tutto il territorio, complici anche le temperature primaverili, con un 8% in più di vacanzieri nelle aree rurali pugliesi e un più 16% in Salento. Tutto esaurito anche negli agriturismi, a conferma del fatto che è l’enogastronomia il cavallo di battaglia della Puglia turistica extra-alberghiera. Regina della ricettività agrituristica e dell’ospitalità in campagna, ha rilevato Coldiretti Puglia, si conferma la provincia di Lecce, con 313 le strutture agrituristiche, sulle 752 totali autorizzate in tutta la regione, seguita da Bari con 143 agriturismi, 113 a Foggia, 94 a Brindisi, 69 a Taranto e 20 nella BAT, secondo i dati ISTAT. Si tratta di un aumento sostenuto dalla qualificazione dell’offerta con gli agriturismi pugliesi che – ha poi sottolineato Coldiretti – offrono servizi innovativi per sportivi, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness. Sono, in particolare, il cibo e la molteplicità di attività possibili per trascorrere la giornata ad attirare i turisti stranieri e italiani negli agriturismi del tacco d’Italia, aggiunge Coldiretti Puglia, dall’equitazione, alle escursion, dalle osservazioni naturalistiche al Trekking alla mountain bike. E’ aumentata anche la richiesta di pernottamento e di attività ricreative per trascorrere il weekend in armonia con la natura, imparando i segreti della vita in campagna. La gita in agriturismo è, infatti, anche l’occasione per far conoscere, soprattutto ai bambini, gli animali di fattoria galline, mucche, cavalli, asinelli, assistere alla mungitura, alla posa delle uova od imparare a fare il formaggio o la pasta fatta in casa.

 

Share Button