Vertenza ex Firema, incontro in Regione Basilicata dei lavoratori e sindacati

Incontro in Regione Basilicata di una delegazione dei dipendenti dell’azienda FTA (ex Firema) e delle sigle sindacali uilm, Fim e Fiom, con l’assessore alle attività produttive, Francesco Cupparo.

Motivo dell’incontro avere notizie sulle sorti dell’azienda di Tito Scalo che rischia ulteriori licenziamenti a seguito del nuovo piano economico di Trenitalia.

Francesco Cupparo - assessore attività produttive Basilicata

Francesco Cupparo – assessore attività produttive Basilicata

Sensibilizzare la Regione Basilicata sulla delicata vertenza dello stabilimento FTA richiedendo una maggiore presenza ai tavoli di contrattazione nazionali. Questa la richiesta che una delegazione dei dipendenti dello stabilimento ex FIREMA e delle sigle sindacali UILM, FIOM e FIM hanno presentato questa mattina all’assessore Franco Cupparo, presso il dipartimento formazione ricerca e attività produttive.

La vertenza ex Firema che si trascina ormai da tempo, è giunta sui tavoli ministeriale ed il prossimo 9 luglio sarà previsto un altro incontro al Ministro dello Sviluppo Economico, nella speranza che in quella sede si possano dare certezze occupazionali e garantire gli organici nello stabilimento di Tito.

Con l’azienda che nel frattempo ridimensiona sempre di più lo stabilimento lucano, trasferendo parte del personale (una trentina di dipendenti) a quello di Caserta, le sigle sindacali chiedono un intervento concreto da parte delle istituzioni attraverso un piano di riqualificazione professionale dei dipendenti.

Ricordiamo che Trenitalia, società che negli anni ha commissionato alla FTA la produzione di motori diesel, dei 94 miliardi di Euro distribuiti nelle diverse commesse per il periodo 2017/2026, non ha previsto alcun affidamento alle lucane Ferrosud e Firema.

[ USB Basilicata ]