ZES Ionica: quasi concluso l’iter, resta il gap delle infrastrutture

Ancora una volta infrastrutture e logistica rallentano lo sviluppo del territorio. Non è certo una novità, purtroppo. Sono due criticità anche per le Zone Economiche Speciali. Di quella interregionale Ionica, di Puglia e Basilicata, si è tornato a parlare alla Camera di Commercio di Matera. Dall’incontro ì, voluto da Legacoop, emerge quasi un appello unitario al Governo nazionale sulla politiche industriali e lo sblocco dei cantieri.

La mancanza di infrastrutture adeguate è una grave contraddizione, se si considera che tra gli obiettivi della ZES ci sono scopi come attrarre investitori internazionali, e favorire i traffici di merci.