Emirati arabi – Regione Basilicata, presentato il Memorandum: Alraisi: “buone le premesse per la collaborazione”

C’è già una profonda relazione tra l’Italia e gli Emirati arabi e pensiamo di incrementarla. Massima l’apertura ad un dialogo da parte dell’ambasciatore emirato Saqer Nasser Alraisi dopo la visita a Matera nella giornata del 2 novembre in occasione della quale la Regione Basilicata gli ha presentato una bozza di intesa, un memorandum, su tre temi in particolare sui quali iniziare insieme percorsi reciprocamente virtuosi: la visione post petrolio, da attuare con la decarbonizzazione con meno emissioni di c o 2 sulla quale la Regione Basilicata ha già una legge regionale approvata; l’expo 2020 che si terrà proprio a Dubai per capire come accompagnare la presenza lucana lì in considerazione della sperimentazione del 5g in atto a Matera e la zona economica speciale, in via di definizione, nel territorio lucano, sita principalmente in Valbasento, con il retroporto di Taranto come avamposto, da ulteriore biglietto da visita per attirare investitori. “Abbiamo molto know how sulle energie rinnovabili – ha detto Alraisi; nel 2030 chiudiamo l’ultimo pozzo di petrolio e al contempo abbiamo già una città di 60 mila abitanti alimentata con l’energia rinnovabile. All’Expo riserveremo uno spazio speciale agli italiani. Da noi già vivono oltre 14 mila vostri connazionali – ha detto – e altri 280 mila annualmente visitano il nostro paese come turisti . 600 aziende italiane sono insediati qui e ben 18 voli giornalieri ci collegano. In merito alla zes – ha rassicurato – sicuramente ci saranno persone, da noi, interessate ad investire nel vostro territorio. Ora – ha detto Alraisi – sarà necessario, però, scambiarsi almeno altre 2 visite ufficiali con persone specializzate nei settori di riferimento, prima della fine dell’anno. Il 3 dicembre – ha fatto sapere l’ambasciatore – da noi è festa nazionale e manderemo sicuramente degli inviti.

Share Button