Rapporto di Cna su Fisco sulle Pmi più tartassate. Montemurro commenta i dati lucani

I dati 2018 sulla tassazione della piccola impresa presentati a Roma nel convegno “Comune che vai fisco che trovi”

La situazione del peso fiscale sulle spalle delle piccole imprese italiane, città per città è molto diversificata. Il quadro di insieme dipinto dalla CNA nazionale vede in cima alle città più “opprimenti” quella di Reggio Calabria, ma non se la passano meglio neanche gli imprenditori bolognesi, romani, fiorentini, catanesi e baresi.

Sull’altro fronte rileva l’osservatorio fiscale nazionale di CNA , fra Irap, Irpef con addizionali regionale e comunale, Imu, Tasi, Tari e contributi previdenziali versati alla cassa artigiani, il titolare di una piccola impresa con sede a Gorizia, Udine e Imola se la passa decisamente meglio.

Di conseguenza mentre a Reggio Calabria il giorno in cui si smette di lavorare per pagare le tasse e si comincia a lavorare solo per se stessi (Tax Free Day) è il 24 settembre, a Gorizia quel giorno è anticipato al 14 luglio.

Anche in Basilicata, afferma il presidente regionale di CNA Leo Montemurro “le nostre due Città monitorate ovvero Potenza e Matera hanno una situazione diversificata” con Potenza che si classifica 43esima sulle 137 considerate e Matera, invece al 62esimo posto.

Un piccolo ma ulteriore significativo arretramento ha registrato il Tax free day, il giorno in cui l’imprenditore può finalmente comincia a destinare i guadagni aziendali all’impresa e alla sua famiglia, stabilito al 4 agosto per Potenza e al 7 agosto per Matera. “Ne consegue” sottolinea Montemurro “che le imprese lucane lavorano in media 218 giorni per pagare tasse e tributi e 147 giorni per soddisfare i consumi personali”.

Nel 2018 il peso complessivo del fisco (Total Tax Rate) registra un aumento dello 0,20%, passando dal 60.0% al 60,20% per Matera mentre per Potenza si registra un aumento dello 0.30% passando dal 59,2% al 59,5%, mentre rimangono sostanzialmente invariati i valori relativi all’incidenza dei tributi regionali (5,7%) e comunali 12,6% per Matera e 12.7% per Potenza.

Share Button