Agricoltura in Basilicata. L’assessore regionale Braia, tuona contro tagli ai fondi Pac

“Assumo una posizione di contrarietà assoluta e di opposizione a qualsiasi taglio fondi per la Pac (Politica agricola comune), soprattutto al Sud Italia”

Lo ha detto l’assessore regionale della Basilicata all’agricoltura, Luca Braia, evidenziando che “tagliare la Pac ed incrementare, per esempio, il sostegno alle politiche per la lotta al cambiamento climatico o per la immigrazione sono una contraddizione oggettiva. Il fondo Ue destinato all’agricoltura, e in particolare all’Italia, al Sud e al Piano di Sviluppo rurale, non si tocca”.

Secondo l’assessore lucano, “la contraddizione – è nei dati statistici e scientifici che riportano tra il 20 ed il 30 la percentuale di incidenza dell’agricoltura sul tema della emissione in atmosfera della Co2 quale principale fattore di produzione del cambiamento climatico in corso. Il Parlamento Europeo, prima di proporre tagli di fondi alla comparto, deve con certezza attestare un livello alto di competitività dell’intero sistema agricolo europeo nel mercato agroalimentare mondiale. E deve valutare gli impatti dei possibili abbandoni della terra da parte delle imprese agricole e le relative conseguenze sulla tenuta ambientale, demografica e della sicurezza dei territori, in particolare delle aree interne che di agricoltura vivono”.

Braia ha poi aggiunto che “con i colleghi assessori regionali spero potremmo presto prendere posizione unitaria per batterci con tutte le nostre forze e provare a contrastare questa decisione che mette il comparto in ulteriori e aggiuntive difficoltà. Non è corretto che siano gli agricoltori europei, e in particolare i nostri, a pagare il costo della Brexit. L’occasione di un primo forte confronto sul futuro della Pac, alla presenza anche del commissario europeo all’Agricoltura e sviluppo rurale Phil Hogan e Paolo De Castro, vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo, – ha concluso Braia – sarà sicuramente il forum mondiale sui prodotti d’eccellenza dop e igp Origo al quale parteciperò, in programma a Parma, in occasione del Cibus, dove la Basilicata sarà presente con la collettiva regionale”.

Share Button