Vicenda Ex Om ha i minuti contati. In un mese si deciderà tutto

Tra poco più di un mese si chiuderà la vicenda Ex Om

 

16 febbraio, 22 e 27 marzo. La vicenda Ex Om sarà scandita da queste date durante le quali verranno aggiunti importanti tasselli per concludere la vicenda. Il 16 febbraio è il giorno entro il quale la task force occupazione della Regione Puglia guidata da Leo Caroli verificherà la sussistenza di eventuali offerte di acquisto. La seconda data è quella di giovedì 22 marzo, data entro la quale dovrà essere presentata l’offerta d’acquisto dai possibili acquirenti. Poi verrà comunicata la data della gara finale nella quale quel che resta della Tua sarà aggiudicato con offerte in aumento minime prestabilite. Una fine partita già delineata in realtà. La Tua ha gia fissato per il 27 marzo la seduta con i creditori. Di solito si conclude tutto entro 30 giorni. All’azienda sembrano interessate diverse realtà industriali pugliesi, nessuna però del settore automotive. Riguardano, invece, aziende di imballaggio, una specializzata in tecnologie e una terza azienda del manufatturiero. Periodo complesso soprattutto per i lavoratori: per i 184 rimasti, la cassa integrazione straordinaria è scaduta a dicembre e non è stata prorogata. E il curatore fallimentare, giovedì scorso ha notificato l’avvio della proceduta del licenziamento collettivo. Anche se c’è una speranza legata al fatto che c’è ancora tempo di trovare un acquirente che salvi i lavoratori dal licenziamento collettivo.

 

Share Button