Capodanno TV di Maratea. I numeri della Prefettura e il commento di Apt Basilicata

Circa 430 unità, 100 di rinforzo, tra forze di polizia, primo intervento, carabinieri specializzati, uffici DIGOS, reparto cinofilo e artificieri, ai quali si sono aggiunti 3 squadre e 6 addetti antincendio alto rischio.

Mariano Schiavone – direttore APT Basilicata

Sono alcuni numeri delle forze dell’ordine impiegati nel piano sicurezza per lo show l’Anno che Verrà, terzo capodanno televisivo lucano della Rai per l’occasione in diretta da piazza Europa a Maratea. A comunicarlo è stata la Prefettura di Potenza, attraverso una nota che ha evidenziato le operazioni per accogliere e far defluire il pubblico di circa 6 mila persone e gli artisti di livello nazionale ed internazionale saliti sul palco. Ruolo importante, inoltre, della Commissione Provinciale sui Locali di Pubblico Spettacolo ai fini dell’adeguatezza dei piani predisposti dal Comune di Maratea, mentre gli accessi via mare sono stati sorvegliati da una motovedetta della Guardia di Finanza e la sicurezza è stata garantita dall’Ufficio Circondariale Marittimo della cittadina tirrenica.

A seguito delle diverse riunioni propedeutiche svolte nel Tavolo di coordinamento presso il capoluogo lucano, il ringraziamento del Prefetto Cagliostro è andato alla sinergia tra i soggetti pubblici coinvolti a vario titolo, in primis al Questore di Potenza, forze dell’ordine, amministrazione comunale, Provincia e Regione, oltre al prezioso supporto dei volontari regionali della protezione civile.

Sul piano della promozione a livello mondiale, il direttore dell’APT lucana, Schiavone, ha parlato di una macchina organizzativa “molto complessa che ha mostrato tutta la sua efficienza, una operazione con risultati straordinari che ha totalizzato 10 milioni di telespettatori. Basilicata in vetrina – ha aggiunto – verso la grande sfida di Matera 2019, sulla quale prosegue incessantemente il lavoro”.

Share Button