Rete ferroviaria. Accordo con Regione Basilicata per nuovi nodi di interscambio modale

Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) realizzerà in Basilicata, nei prossimi cinque anni, i “nodi di interscambio modale” (tra treno e bus) in alcuni centri lucani, in base a un accordo con la Regione, “in linea con il Piano regionale dei trasporti e con il Piano dei trasporti di bacino attuativo, in fase di redazione da parte del dipartimento dei trasporti”.

L’obiettivo dell’accordo, è scritto in una nota di Rfi, è di rendere “il servizio ferroviario” un “asse portante del trasporto pubblico locale lucano attraverso il cadenzamento degli orari e grazie a stazioni di interscambio per favorire l’integrazione modale”.

I “nodi di interscambio modale” saranno realizzati a Bella Muro, Potenza Centrale, Potenza Superiore, Avigliano, Castel Lagopesole, Rionero, Melfi e Ferrandina-Scalo Matera, “per garantire l’integrazione dei sistemi di trasporto, attrarre più viaggiatori e migliorare l’offerta complessiva”.

Il modello di trasporto ferroviario “comprenderà il cadenzamento degli orari, con treni ogni ora, o ogni mezz’ora nelle fasce di punta, tra Melfi e Potenza, Melfi e Foggia, Avigliano e Potenza Superiore e tra Bella Muro e Potenza Superiore”.

Il progetto, dal 2021, sarà realizzato anche sulla base di “alcuni interventi: sulla linea Potenza-Foggia a valle della conclusione degli interventi di elettrificazione, di soppressione dei passaggi a livello e di installazione del Sistema di controllo marcia treno; sulla linea Potenza-Battipaglia dopo gli interventi di upgrade tecnologico.

L’accordo, che ha una validità di cinque anni, prevede anche una migliore integrazione dei servizi regionali con i treni a lunga percorrenza, sia sulla direttrice adriatica che sull’itinerario Potenza-Battipaglia-Napoli-Roma”.

Share Button