Gentiloni a Mola di Bari in visita alla Sitael: “modello per il Sud”

“Questa azienda è un modello per quello che la Puglia può fare nel Mezzogiorno”.

Lo ha detto il presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, visitando la sede di Mola di Bari della Sitael, azienda del gruppo Angel, leader nel settore aerospaziale. Il premier è stato accolto dal Cavaliere del Lavoro Vito Pertosa, fondatore di Sitael e presidente del gruppo Angel che comprende anche le aziende Mermec, specializzata in produzione di prodotti ferroviari e Blackshape che produce velivoli sportivi. Accanto a lui il presidente nazionale di Confindustria Vincenzo Boccia, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Roberto Battiston e l’ad di Rfi Maurizio Gentile, oltre a rappresentanti delle istituzioni locali tra i quali Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci. Al premier sono stati illustrati alcuni prodotti: un satellite, un propulsore, biciclette elettriche di ultima generazione e anche un piccolo aereo a bordo del quale Gentiloni è salito per qualche minuto. “Qui abbiamo visto come un’impresa che ha radici fortissime in Puglia, a cominciare da quella della famiglia che l’ha promossa, – ha detto Gentiloni – si sia proiettata in tutta Italia e nel mondo grazie alla capacità di innovare, grazie alla qualità dei nostri ingegneri, dei nostri tecnici e di chi ci lavora, ed è un modello per quello che la Puglia può fare nel Mezzogiorno”. “È un modello – ha continuato – che ha utilizzato nel corso di questi anni diverse iniziative e collaborazioni con le politiche pubbliche, sia con l’agenzia spaziale italiana, sia utilizzando le diverse risorse messe a disposizione negli ultimi anni per chi fa innovazione, il pacchetto Industria 4.0 e altre iniziative”. “Dobbiamo andare avanti su questo – ha concluso Gentiloni – ma dobbiamo essere rassicurati dal fatto che un’impresa come questa ci dice che, tenendo le radici nel proprio territorio, si può davvero avere uno spazio oggi nel mondo. Ed è il segreto della manifattura italiana e della manifattura pugliese”. Con siti industriali e tecnici in 18 Paesi, tecnologie proprietarie avanzate e più di mille professionisti altamente qualificati, di cui 650 ingegneri, Angel investe infatti circa il 12 per cento del ricavo annuo in Ricerca e Sviluppo. L’azienda di Mola è stata inaugurata nel settembre 2014 dall’allora premier Matteo Renzi.

Share Button