E’ bufera sui Voucher. Tensioni in maggioranza, MDP di Speranza e Cgil di Camusso sul piede di guerra

Alta tensione nella maggioranza sui voucher. Il capogruppo Pd Rosato puntualizza che i Dem non hanno intenzione
di tendere trappole al governo su questo fronte e sono pronti a ritirare l’emendamento in materia e infatti venerdì sera, al termine di una giornata ancora segnata dallo scontro politico sulla nuova normativa il relatore Mauro Guerra ha depositato in commissione Bilancio della Camera una riformulazione dell’emendamento Di Salvo per sostituire i voucher cancellati dal governo per decreto.

La proposta conferma l’intenzione di introdurre un nuovo strumento sia per le famiglie, con il “Libretto famiglia”, sia per le aziende, cioe’ il nuovo “contratto di prestazione occasionale”. Gli orlandiani (che contano tre membri in commissione Bilancio) annunciano la non partecipazione al voto sull’emendamento se i buoni lavoro varranno anche per le imprese.

Sulle barricate ci sono gli esponenti di Mdp, che su tutte le furie abbandonando i lavori della commissione. “Non partecipiamo al voto” attacca il capogruppo Scotto “si tratta di una grave lesione dei rapporti tra noi, il governo e la maggioranza”.

Protesta in piazza anche il principale sindacato di sinistra mentre la segretaria della Cgil Susanna Camusso ribadisce che in caso di reintroduzione ricorrerà alla Consulta.

Share Button