Estate 2014. Per Confcommercio tutta “da dimenticare”

Spiaggia di PolicoroPOTENZA – Si attendono ancora dati definitivi sui numeri che ha mosso il turismo in Basilicata nell’estate 2014 anche se dai primi calcoli tutto porta a pensare che “sarà ricordata come un’estate nera per il turismo, con un calo consistente di presenze ed arrivi e gravi danni per il fatturato delle attività ricettive, alberghiere, di ristorazione e servizi al turista, soprattutto a causa del maltempo”.

E’ questo il consuntivo tracciato da Confcommercio Imprese Italia Potenza, in una nota a firma del presidente provinciale Fausto De Mare, analisi condivisa dal presidente del Consorzio Albergatori di Maratea Carmine Esposito e Michele Tropeano presidente Consorzio Turistico Val d’Agri.

Per numerosi operatori, dunque, si profilano all’orizzonte difficoltà inaspettate di vario genere, tra cui le più preoccupanti sono: far fronte ai prossimi impegni finanziari per i debiti accumulati nei confronti di fornitori e lavoratori ( generalmente assunti in linea con le aspettative non pessimistiche della vigilia), pagare le rate dei mutui assunti e far fronte agli onerosi impegni fiscali di fine d’anno.

Nei giorni scorsi, le due più importanti associazioni nazionali di categoria del turismo italiano (Federalberghi e Fipe, entrambe facenti parte del sistema Confcommercio) hanno fornito le prime stime sul bilancio dell’estate turistica.

Secondo Federalberghi, “il saldo dei pernottamenti (nel Paese) da giugno ad agosto è pari allo 0 rispetto allo stesso periodo del 2013 e per la prima volta nelle statistiche moderne i mesi di luglio e agosto fanno registrare un ribasso rispettivamente dello 0,6% e dello 0,2%. L’andamento è determinato dall’ennesimo calo della domanda italiana ( -0,6%) e da un lievissimo incremento di quella straniera (+0,6%). …con un impatto sui fatturati delle imprese ricettive nel trimestre stimabile in un -5%.” Secondo il Centro Studi di Fipe, “l’estate turistica 2104 si chiuderà con un calo delle presenze dell’1,4% come sintesi del -2,1% del turismo interno e di una sostanziale tenuta del turismo degli stranieri (+0,3%). Ne consegue, a livello dell’intero paese, un bilancio negativo della stagione estiva per 982 milioni di euro.”

Entrambe le fonti, anche se frutto di Osservatori diversi (la prima analizza il solo settore ricettivo alberghiero, la seconda ne amplia gli orizzonti ma secondo una procedura “deduttivo-teorica”), evidenziano una contrazione dei consumi turistici estivi 2014 che, è bene ricordarlo, concentrano in soli tre mesi all’intero settore, oltre il 50% delle presenze complessive dell’anno ( oltre i due terzi per gli italiani).

In particolare, è drammatica la situazione degli esercizi stagionali, primi tra tutti gli stabilimenti balneari, che non riusciranno a coprire nemmeno gli investimenti fatti per l’apertura. Di qui la richiesta delle associazioni di categoria del sistema Confcommercio al governo innanzitutto per la revisione degli studi di settore per il 2014, la sospensione del pagamento di contributi e imposte per le aziende più duramente colpite; l’estensione a bar, ristoranti, stabilimenti balneari e discoteche dei crediti di imposta per la digitalizzazione e la riqualificazione delle strutture; la riduzione dei canoni di concessione per finalità turistico-ricreative e la revisione del sistema di determinazione dei canoni demaniali relativi alle pertinenze.

Share Button