Gli “autoferrotranvieri di Basilicata” senza stipendio scrivono ai vertici delle istituzioni

AutobusGli “autoferrotranvieri di Basilicata”, è questa l’intestazione della nota inviata anche alla nostra redazione, scrivono ai vertici delle istituzioni regionali.

“Siamo alle solite” – scrivono senza mezzi termini – “quando in questa Regione nasce un problema di livello economico a pagarne le conseguenze sono sempre e solo le fasce più deboli, quelle dei lavoratori”

La forte denuncia scaturisce dal mancato accredito degli stipendi perché la Regione Basilicata, secondo quanto le aziende hanno comunicato loro, non avrebbe provveduto a trasferire i corrispettivi dei contratti di servizio in vigore.

Si rivolgono a Luca Braia, assessore ai trasporti e infrastrutture il quale avrebbe dichiarato “è tutto pronto e il mandato è stato lavorato”.

Il duro comunicato tocca anche il tema delle inchieste sui “rimborsi” dei consiglieri e assessori regionali marcando la distanza, anche economica tra i soggetti: “i consiglieri guadagnerebbero otto stipendi di un ferrotranviere”.

Il comunicato di certo “non le manda a dire”, ma l’intento è chiaro: spronare ad affrontare e risolvere in tempi rapidi la risoluzione del problema.