Matera partecipa all’International Jazz Day del 30 aprile

L’Onyx Jazz Club e la città di Matera festeggeranno per il settimo anno consecutivo la Giornata Internazionale del Jazz. 

Il percorso culturale intrapreso a Matera è particolarmente significativo per la nomina della città a Capitale Europea della Cultura nel 2019. Nomina nella quale il ruolo di produzione culturale che l’Onyx Jazz Club svolge dal 1985 è pregnante attraverso la realizzazione di un festival, il “Gezziamoci” che si conferma tra i più longevi d’Italia.
Nella IX giornata Internazionale UNESCO del Jazz, ospite a Matera sarà il trio del pianista Massimiliano Milesi.

L’International Jazz Day sarà supportato da una nuova edizione di “Il Jazz in Vetrina”. Verranno allestite a tema “Jazz” circa 10 vetrine nel centro storico di Matera creando un percorso turistico caratterizzato dagli strumenti, i libri, i vinili e i suoni che caratterizzano il mondo del “Jazz”. Per l’evento è stato coinvolto il Liceo Artistico “Carlo Levi” di Matera. Le vetrine resteranno allestite dal 27 Aprile al 3 Maggio.

Per quanto riguarda la giornata di martedì 30 aprile in Casa Cava – inizio ore 20.30, ingresso 5 euro –  è prevista l’esibizione di Massimiliano Milesi OOFTH (Massimiliano Milesi, tenor sax, composition – Emanuele Maniscalco, synth. – Giacomo Papetti, Bass VI (bass guitar) – Filippo Sala, drums).

Il progetto OOFTH, del quale la Auand pubblicherà nel marzo 2019 il debutto discografico, trae ispirazione dalle atmosfere surreali e paradossali che permeano la novella The Ifth of Oofth dello scrittore di fantascienza Walter Tevis. Le composizioni originali del leader fanno spesso riferimento alle colonne sonore della fantascienza cinematografica: come nel racconto di Tevis, il flusso temporale si fa talvolta ambiguo e melmoso traghettando le immagini sonore da una situazione all’altra.

The OOFTH project, which will be released for AUAND in 2019, is inspired by the surreal and paradoxical atmospheres that permeate the novel “The Ifth of Oofth” by the science fiction writer Walter Tevis. The original compositions of the leader often refer to the soundtracks of cinematic science fiction: as in Tevis’ story, the temporal flow becomes sometimes ambiguous and muddy, ferrying the sound images from one situation to another. The sidereal atmospheres generated by the electric instruments suggest the sense of disorientation experienced by the protagonists of the Tevis story.

Share Button