Matera. Pino Aprile ha presentato il suo ultimo libro dal titolo “Carnefici”

Presentato ieri a Matera, nella Libreria Di Giulio, l’ultimo libro di Pino Aprile, edito per i tipi della Piemme edizioni, dall’eloquente titolo “Carnefici”.

Aprile, giornalista d’inchiesta e scrittore filomeridionale, ha conosciuto la grande notorietà con il suo “Terroni”, al quale sono seguiti altri volumi che hanno uno specifico obiettivo: quello di fare luce su una guerra d’aggressione mai dichiarata ufficialmente da parte dei Savoia al Regno delle Due Sicilie e sulle drammatiche conseguenze che ne derivarono ai meridionali.

La copertina del libro

La copertina del libro

Prima fra tutte la campagna, sanguinaria e spietata, contro il brigantaggio, seguita dalle deportazioni e dalle esecuzioni di massa. In questo suo ultimo volume, alla cui presentazione a Matera ha partecipato Raffaele Vescera e Margherita Lopergolo, Aprile pone la sua attenzione su di un termine: genocidio.

Perché è questo l’ordine di grandezza che emerge dall’incrocio dei risultati dei censimenti disposti dai Savoia (nel 1861 e nel 1871) e dei dati delle anagrafi borboniche.

Centinaia di migliaia di persone scomparse è la cifra della strage di italiani del Sud compiuta per unificare l’Italia. Si scopre, così, di come venivano rasi al suolo paesi interi, saccheggiate le case, bruciati vivi i superstiti. Si apprende come avvenivano i rastrellamenti degli abitanti di interi villaggi, e li si sottoponeva a marce forzate di decine di chilometri, e a torture. Ci si imbatte in fucilazioni a tappeto di centinaia di persone.

Share Button