A Senise terminate riprese del prologo del film finanziato insieme a Film Commission Calabra

Il lavoro è stato finanziato nell’ambito del progetto Lu.Ca che vede la collaborazione operativa cinematografica tra Basilicata e Calabria.

Si sono concluse in questi giorni, attorno all’invaso di Senise, le riprese di “A ciambra”, il film di Jonas Carpignano molto atteso nei circuiti cinefili e papabile all’ammissione nei Festival internazionali cinematografici di alto lignaggio.

In Lucania è stato girato il suggestivo prologo del film con impegnative sequenze che hanno richiesto un meticoloso lavoro scenografico e molta cura per gli abiti d’epoca: bellissimi i carri a botte, fedelmente ricostruito l’accampamento con gli animali e, in particolare, i cavalli che mostrano l’esodo dalla Slovenia di una comunità rom oggi residenti nella piana di Gioia Tauro. L’ultimo ciak ieri mattina all’alba sulle sponde della diga di Monte Cotugno dove la spoglia prospettiva lacustre invernale ha offerto l’ambientazione straordinaria alla scena.

Come attori sono stati impiegati le stesse persone zingare che vivono in forma stanziale oggi a Gioia Tauro e alcuni anziani hanno realmente compiuto da ragazzini il viaggio che apre la vicenda che racconta l’amicizia tra un attore di colore e un bambino rom. Diversi bambini rom sono stati coinvolti nelle riprese. Molto pregevole il lavoro del location manager lucano, Roberto Cosenza di Rotonda, che ha effettuato numerosi sopralluoghi, reperito animali, organizzato la logistica che ha impegnato anche dei pastori del luoghi. A Cosenza la Lucana Film Commission ha espresso ringraziamenti e apprezzamento per l’ottimo lavoro professionale svolto sul territorio.

Share Button