Potenza. Il 31 maggio prossimo in scena l’evento-spettacolo “Balla Taranta Mia”

“Il tarantismo è un fenomeno diffuso in tutto il Meridione italiano e non solo in Salento”: è una delle considerazioni alla base del lavoro di Maria Anna Nolè che ha pubblicato il libro “Balla Taranta Mia-Appunti di una tarantata contemporanea” (Villani editore), con la prefazione di Eugenio Bennato, e da cui è tratto lo spettacolo che andrà in scena al teatro Stabile di Potenza il 31 maggio, alle ore 20.30, all’interno del cartellone del “Maggio Potentino”.

L’evento tra musica, teatro e danza popolare, con la regia di Lea Di Mauro, è stato presentato stamani, nel capoluogo lucano, nella sede della casa editrice, in una conferenza stampa a cui ha partecipato anche l’assessore comunale di Potenza alla cultura, Roberto Falotico.

“Il tarantismo – ha evidenziato l’artista lucana – è un rituale sociale e quindi, la sera del 31 maggio, saliranno sul palco dello Stabile diversi artisti ma anche persone ‘comuni’, alla loro prima esperienza dopo aver seguito i laboratori. E – ha proseguito – l’ospite d’onore sarà la mitologica taranta che, nelle sue forme più disparate, superando il presupposto folklorico in un viaggio temporale tra passato e presente, racconterà la sua nobile storia di danza della rinascita, di sfogo, sostegno ed intimità che ha mantenuto nei secoli. Il mio obiettivo – ha concluso Maria Anna Nolè – è che questa sia solo la prima edizione di un evento che mi auguro possa coinvolgere anche altre realtà lucane”. Durante l’incontro con i giornalisti, Falotico ha inoltre annunciato che il prossimo 29 giugno, in Largo Duomo, “tornerà la grande lirica, con la messa in scena della ‘Cavalleria rusticana’”.

Share Button