Disabilità, c’è sempre un’altra prospettiva: a Matera il “Bambino Volante”

Matera. Lui è Patrizio, un bimbo allegro e dagli occhi vispi. Poco dopo la nascita le limitazioni nei suoi movimenti sono presto evidenti; non gattona, fa fatica a stare seduto senza un appoggio e a raggiungere gli oggetti che desidera. Solo tre anni dopo si arriverà alla diagnosi definitiva: sindrome di Alagille, una malattia genetica rara. Famiglia e amici si stringono intorno a lui e alla sua famiglia, c’è sempre qualcuno pronto ad aiutarlo ad afferrare ciò che per lui sembra irraggiungibile. Patrizio è curioso e passa continuamente di braccio in braccio. Diventa presto per tutti il Bambino Volante. La sua storia è stato lo spunto per la scrittura di un libro illustrato per bambini, presentato a Matera, nella sala Levi di Palazzo Lanfranchi, in occasione del ventennale del nido Il Palloncino Blu.
Scritto d Alessio Fasciolo e illustrato da Fabrizio Festa, due professionisti di base a Londra, il volume affronta il tema della disabilità raccontato con gli occhi dei più piccoli. Nel mondo di Pat tutto è sottosopra, ed imparare a guardare la realtà da quella prospettiva sarà il traguardo del suo viaggio, tenendo ben stretto e a portata di mano il suo Manuale di Volo. Un ottimo strumento per una discussione tra genitori e figli, o tra insegnanti ed alunni, rivolto a bambini ed adulti perché spesso sono proprio gli adulti ad essere incapaci di guardare oltre le barriere e gli imbarazzi della diversità. Il Bambino Volante è stato autoprodotto grazie alla generosità di un’ampia rete di sostenitori, ora si è in cerca di un editore che possa occuparsi della distribuzione del volume, mentre gli autori hanno già in mente nuovi capitoli delle avventure di Pat.
Per conoscere la storia di Patrizio e acquistare il libro www.bambinovolante.com.

Share Button