Matera 2019, come saranno illuminati i Luoghi della Cultura

Matera. Architettura, design e luci multicolori per illuminare luoghi e percorsi, a partire dal 19 dicembre prossimo, di Matera capitale europea della Cultura 2019, con la manualità e la creatività dei laboratori del progetto “Lumen social light”, promosso dalla Fondazione “Matera- Basilicata 2019”. L’iniziativa, sostenuta dall’Enel, è stata illustrata in serata a Matera a Casino Padula, quartier generale dell’Open design school, e sta coinvolgendo studenti delle scuole medie superiori, cittadini e aziende di allestimento di luminarie. Il programma prevede la realizzazione di 15 ‘map pointers’ o grandi lampade, di cui quattro autoprodotte dalle scuole, dalla dimensioni di cinque metri per tre. I ‘map pointers’, che caratterizzano il progetto di illuminazione urbana ideato dalla light designer Giovanna Bellini, “rappresentano – è stato spiegato – la più contemporanea forma di localizzazione sulle mappe digitali”. Saranno realizzati in legno “e avranno un’anima illuminante composta da una sequenza di luci a led”. La loro dislocazione è prevista in dieci punti della città, nei quartieri del centro e della periferia e al borgo La Martella. Associazioni e cittadini, impegnati nei laboratori, potranno realizzare kit personalizzati per cinquemila organi illuminanti a forma di cerchio, del diametro di 30 centimetri, dotati di un sistema di ricarica per lampadine alimentato da mini pannelli solari o a batteria. Saranno utilizzati, inoltre, anche per la cerimonia inaugurale del 19 gennaio 2019 “quale simbolo originale, ma legato alla tradizione delle luminarie, per segnare i percorsi di luce dei centri urbani del futuro”. (ANSA).

Share Button