In Basilicata il “Festival delle 100 Scale”, rassegna internazionale di danza urbana

100 scale (Matera)(di GIULIO TRAIETTA) – Un pubblico attonito e silenziosamente emozionato ha assistito ieri sera alla rassegna internazionale di danza urbana: il “Festival delle 100 scale”.

La manifestazione multidisciplinare, riconosciuta dal MiBACT (Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo) si è dispiegata all’interno di Palazzo Lanfranchi dove, per un’ora e mezza , un trittico internazionale ha dato vita a una performance cruda e urbana di danza moderna: in primis Lali Ayguadé e Nicolas Ricchini con “incognito”; subito dopo Hector Plaza e Francisco Lopez Juan su coreografia di Francisco Cordova hanno interpretato “Postskriptum”; e infine Ayala Frenkel e Gil Kerer in “Beetwen Us”.

Un festival di danza urbana che non può esser definita una semplice manifestazione di ondeggiamenti nell’aria ma un vero e proprio lampi di patos tra gli artisti, che empaticamente hanno messo in contatto il pubblico con la coreografia, mostrandosi più come una recitazione danzante.

La settima edizione di questa rassegna artistica – culturale si concluderà questa sera nel Teatro Stabile di Potenza, dove la celebre compagnia spagnola “La Veronal” delizierà il pubblico con la loro prima nazionale de “Shortcuts”.

Share Button