Un omaggio a Pier Paolo Pasolini. La Basilicata protagonista dell’Ottobrata Romana

ottobrataROMA – Un omaggio a Pasolini, che è stato uno dei principali protagonisti della rinascita dell’interesse verso la poesia e il canto popolare. Si è chiusa ieri, ad Ostia l’edizione 2014 dell’Ottobrata Romana. Nell’ambito della manifestazione romana, grazie alla collaborazione tra l’Apt, Regione Basilicata e la Lucana Film Commission, e il contributo del maestro Ambrogio Sparagna, la Basilicata è stata protagonista assoluta di una serie di iniziative culturali sulla musica popolare lucana. Cornice principale dell’importante evento, che si è svolto dal 30 ottobre al 2 novembre, è stato l’Auditorium Parco della Musica di Roma, dove tra l’altro è stato possibile assistere alle performance dei Totarella e dei Lucanìa. Richiami alla Basilicata, cuore della civiltà contadina italiana, che Pasolini amò profondamente, sono stati proposti da Antonio Infantino, originale architetto compositore di Tricarico, principale protagonista della riscoperta della Taranta, già a partire dagli Anni Settanta, e da Caterina Pontrandolfo, cantante ed attrice potentina, una delle voci più intense ed originali della riscoperta del canto contadino lucano. Molto atteso lo spettacolo di musica popolare di Ambrogio Sparagna “Io sono una forza del passato. Pasolini tra Roma e Basilicata”, con la riproposizione di alcune poesie di Pier Paolo Pasolini, una delle quali ha dato il titolo allo spettacolo, accompagnato da suoni della tradizione popolare lucana. A dare il via alla serie di iniziative culturali dedicate alla musica popolare lucana, l’inaugurazione della mostra fotografica di Domenico Notarangelo, “Pasolini a Matera, a 50anni dalle riprese de Il Vangelo Secondo Matteo”, allestita fino al 2 novembre nella sala Auditorium Arte, dell’Auditorium Parco della Musica.