Assenteismo all’ospedale di Monopoli: 33 le misure cautelari, 9 i medici arrestati

Timbravano il cartellino e poi andavano nella propria casa di villeggiatura al mare oppure in posta per sbrigare le proprie faccende o ancora, al bar e in centri commerciali. I carabinieri hanno scoperto un caso di diffuso assenteismo nell’ospedale civile san Giacomo di Monopoli ed hanno eseguito 33 misure cautelari nei confronti di altrettante persone, tra cui 18 medici, ma anche infermieri, autisti e operatori amministrativi, tutti indagati per concorso in truffa aggravata ai danni dello Stato commessa in violazione dei doveri inerenti un pubblico servizio, false attestazioni e certificazioni sulla propria presenza in servizio, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e peculato. Le indagini sono scattate a seguito di numerose le rimostranze da parte dei cittadini che si rivolgevano agli uffici dell’Asl per lamentarsi del servizio sanitario carente. Nello specifico, 20 i destinatari dell’obbligo di dimora, tra cui nove medici, che potranno quindi continuare a svolgere la propria professione all’interno del nosocomio; 13 le persone agli arresti domiciliari, tra queste nove medici. In totale sono 46 gli indagati, in questa operazione condotta dai carabinieri e che il procuratore di Bari Giuseppe Volpe non ha esitato a definire “vergognosa”.

Share Button