Truffe online nel potentino: i Carabinieri denunciano in tutto nove persone

Diverse le attività di controllo dei Carabinieri del comando provinciale di Potenza, finalizzate alla tutela delle fasce deboli (giovanissimi e anziani) potenziali vittime dei raggiri online

A Barile ad esempio è stato identificato l’autore di una truffa telematica consumata in danno di un cittadino che aveva tentato di acquistare un personal computer su un noto sito di compravendita on-line. Il truffatore, un 25enne di Carania come raccontano i militari, è stato denunciato perchè dopo avere pubblicato l’annuncio, ha indotto la vittima ad accreditare, su una carta prepagata più di 500 euro senza corrispondere l’oggetto d’acquisto.

Deferito in stato di libertà un uomo di 47 anni della provincia di Torino che, dopo avere pubblicato un fittizio annuncio relativo alla locazione di una casa vacanze in Emilia Romagna, si è fatto accreditare, a titolo di caparra, l’importo di 350  Euro, rendendosi poi irreperibile.

Analogamente, spiegano i Carabinieri della Stazione di Melfi è stato denunciato in stato di libertà un
25enne di Napoli per il reato di truffa. L’uomo infatti “dopo avere pubblicato un inserzione on-line relativa alla locazione di una casa vacanza in provincia di Chieti, ha indotto la vittima a versare la caparra, per un importo pari a 500 euro rendendosi, successivamente, irreperibile. Sempre per un raggiro a Melfi due persone, rispettivamente di 30 e 21 anni, residenti nelle province di Trento e Treviso, denunciate due persone che dopo avere inserito un annuncio fittizio relativo alla vendita di uno strumento musicale, hanno indotto l’acquirente a versare 1200 euro  in loro favore, recapitando oggetti in plastica privi di valore commerciale.

Ancora, a Viggianello i militari hanno identificato un 25enne di Taranto che aveva pubblicato un annuncio su un sito di acquisti on-line, relativo alla vendita di uno smartphone, poi acquistato da uno studente senza mai riceverlo, dopo averlo pagato 450 euro, versando la somma su una carta prepagata.

A Villa D’Agri invece, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato in stato di libertà, per il reato di truffa, un 49enne di Castrovillari (CS): l’uomo, dopo avere ricevuto un telefono cellulare posto in vendita su un sito di acquisi on-line, previa esibizione di una falsa ricevuta di pagamento, non ha mai corrisposto l’importo dovuto.

I Carabinieri della Stazione di Senise hanno individuato l’autore di una truffa on-line in un 31enne di Milano che, dopo avere proposto in vendita un’autovettura, si è fatto accreditare, su carta prepagata, l’importo di 700  euro per poi fare perdere le sue tracce e infine a Pignola, i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà una donna di 31 anni, della provincia di Napoli, che dopo avere inserito su un sito dedicato, l’annuncio relativo alla vendita di un ricambio per autovettura ed avere percepito, quale contropartita, la somma di 500 euro si è resa irreperibile.

Share Button