Bari, Carbonara otto anni dopo l’omicidio di Giuseppe Mizzi: “Il quartiere deve reagire”

L’uomo, vittima innocente di mafia, venne freddato mentre tornava a casa dal lavoro
Morto senza un perché, solo per essersi trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato. Il 16 marzo 2011 Giuseppe Mizzi stava tornando a casa dal lavoro, in via Venezia a Carbonara di Bari, quando venne ucciso da Antonio Battista, boss del clan Di Cosola, per un tragico scambio di persona. A otto anni di distanza, il ricordo delle istituzioni.

 

Share Button