Si spacciava per un impiegato comunale, truffando anziani in casa. Arrestato un 49enne napoletano

“Sono il geometra comunale, aprite”. Frase che come un incantesimo permetteva al 49enne napoletano, di entrare in casa di anziani e truffarli. I fatti contestati risalgono al periodo che va dall’agosto all’ottobre 2018, ai danni di anziani nei comuni di Acquaviva delle Fonti, Sammichele di Bari, Martina Franca e Adelfia. L’uomo è ritenuto responsabile di furti aggravati e truffe: il 49enne al fine di procurarsi un profitto, si introduceva in casa delle anziane vittime, spacciandosi per geometra o dipendente comunale incaricato di effettuare rilievi per agevolare le vittime nell’ esenzione del pagamento delle imposte immobiliari. Una volta all’interno dell’abitazione ai malcapitati chiedeva un aiuto per effettuare delle misurazioni con una rullina metrica e, approfittando della loro temporanea distrazione, con destrezza si impossessava di varie carte bancomat con relativi pin oppure di denaro o preziosi. Complessivamente il malfattore è stato riconosciuto colpevole di 6 reati; 5 furti aggravati commessi avvalendosi di mezzo fraudolento (consistito nell’ingannare le anziane vittime fingendosi geometra comunale o pubblico impiegato) e con destrezza (consistita nell’approfittare della temporanea distrazione degli anziani quasi tutte ultra ottantenni). Ai suddetti delitti si aggiunge una truffa consumata sempre a Sammichele di Bari, dove il malvivente, presentatosi quale “tecnico comunale”, con artifici e raggiri, consistiti nel rappresentare la possibilità di non pagare la tassa rifiuti, si faceva consegnare dall’anziana vittima la somma di 100,00 euro. Fondamentali per l’identificazione del responsabile di tali fatti sono state le prime indagini condotte dalla Stazione Carabinieri di Acquaviva delle Fonti. Le successive indagini, condotte in collaborazione con la Stazione di Sammichele di Bari e con la Compagnia Carabinieri di Napoli Stella, hanno permesso di procedere alla compiuta identificazione del truffatore e quindi al suo concreto e reale coinvolgimento nei vari episodi delittuosi.

Share Button