Incidenti stradali, due giovani vite spezzate

Matera. C’è rabbia e sconforto quest’oggi. La notizia è di quelle che non vorresti mai leggere e sentire. Emanuele Pellegrino, 19 anni, dopo tre mesi di sofferenze, non ce l’ha fatta. Il giovane è stato vittima di un incidente stradale il 23 novembre scorso, a Matera. Stava andando a lavoro quando ha perso il controllo della moto, una Aprilia Scarabeo. In sella anche sua sorella, rimasta ferita. L’impatto è avvenuto in via Cererie, all’altezza della caserma della Polizia stradale, la prima ad intervenire e a chiamare la Polizia di Stato per i rilievi, ed il 118. Indossavano il casco, ma l’impatto è stato così violento, tanto da storcere il palo. Stando alle prime ricostruzioni sarebbe stato un dislivello del manto stradale, vicino ad un tombino, a causare l’incidente.
Casi che si si stanno ripetendo con drammatica cadenza in Italia, e se dovesse essere confermata la causa dell’incidente bisognerà fare i conti non soltanto con i lavori di manutenzione che vengono eseguiti, ma soprattutto con quelli che non vengono eseguiti. Intanto c’è chi sulla rete ha proposto una giornata di lutto cittadino.

Nelle scorse ore un altro schianto mortale, nell’Avellinese. A perdere la vita Gioele Gerardi, 22 anni di Rionero in Vulture.  L’auto sulla quale viaggiava, per cause in corso di accertamento, è uscita fuori strada finendo in una scarpata. Fatale il volo di oltre 50 metri, il giovane è morto sul colpo schiacciato dalla sua Toyota Yaris.

La terra lucana piange due giovani vite spezzate.

Share Button