Barletta, sgominata una banda criminale dedita allo spaccio di droga

La criminalità organizzata simile ad una fenice, che rinasce dall proprie ceneri. E’ quello che è accaduto a Barletta, dove circa 200 Carabinieri del Comando Provinciale di Bari coadiuvati dai reparti speciali “Cacciatori di Puglia”, Nucleo Cinofili e 6° Elinucleo di Bari, hanno eseguito 23 ordinanze di custodia cautelare 12 in carcere e 11 ai domiciliari. Un’attività investigativa che parte da molto lontano, dal 2009 e che si è conclusa grazie all’ausilio di 15 collaboratori di giustizia, legati a quattro gruppi criminali che gestivano il commercio della droga sull’intero territorio di Barletta. Un numero importante, che testimonia come il sodalizio criminale in questi anni si sia destrutturato, portando ad una vera e propria disgregazione e a contrasti interni. Il primo gruppo di spaccio era capeggiato dai fratelli Albanese, detti “i vaccari”, il secondo da Luigi Lombardi e da Ruggiero Lattanzio, rimasto ucciso il 15 gennaio scorso ed ancora da Luigi Marchisella; il terzo gruppo invece era capeggiato da Cosimo Damiano Cannito ed infine il quarto da fratelli Sarcina. Importanti i legami con altre organizzazioni internazionali come gli albanesi e gli spagnoli ed organizzazioni criminali più vicine come quelle di Napoli, Bari e Andria.

Share Button