Operazione lungomare: 22 gli arresti, cinque dei quali a San Severo nel foggiano

Ci sono anche cinque pregiudigati di San Severo, tra i 22 arrestati nell’Operazione antidroga denominata “Lungomare”. In tutto sono 39 le misure cautelari adottate nel corso delle indagini: 22 quelle eseguite la notte scorsa, 13 in carcere, 3 ai domiciliari, 4 divieti di dimora e 2 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria.

Duecento i militari impegnati, tra cui i ‘Cacciatori di Puglia’, reparto dell’Arma recentemente costituito, per sgominare una organizzazione malavitosa prevalentemente pugliese che stava tentando di radicarsi in Molise.

Sono questi alcuni numeri dell’operazione, portata a termine dai carabinieri del comando provinciale di Campobasso nel capoluogo molisano, a Termoli, Campomarino, San Severo e Avellino. L’inchiesta è stata coordinata dalla Dda di Campobasso. Utilizzavano parole in codice per riferirsi alla cocaina, indicata con il nome di Michele, e all’eroina, con il nome di Nicola. Attraverso le intercettazioni telefoniche, i militari hanno scoperto il linguaggio cifrato utilizzato dai malviventi, con il quale si faceva riferimento al tipo di stupefacente che occorreva o si aveva a disposizione. L’organizzazione malavitosa aveva gettato le sue basi in Molise, spacciando droga tutti i giorni in appartamenti presi in fitto in alcune località. Un salto di qualità che avrebbe permesso ingenti guadagni. Grazie all’attività di indagine della Dda e dei militari dell’Arma, supportata anche da fonti testimoniali, è stato possibile ricostruire 1.400 cessioni di droga. Gli indagati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Le indagini del nucleo investigativo e Reparto operativo hanno accertato come dietro l’escalation del consumo di eroina e cocaina nella provincia di Campobasso vi fosse anche questo pericoloso sodalizio criminale composto da pregiudicati di San Severo e molisani.

Share Button