Foggia, arrestati quattro violenti rapinatori: assaltavano gioiellerie e tabaccherie

Violenti, pericolosi e soprattutto armati di mazzole, quattro pregiudicati di Cerignola sono stati arrestati dalla Polizia per una rapina commessa ai danni di una tabaccheria della loro città il 13 novembre del 2015. Quella sera in cinque, tutti incappucciati, ed uno armato con una mazza da muratore, fecero irruzione nell’attività commerciale. Dopo aver spintonato e fatto a cadere a terra il titolare, portarono via 2.700 euro in contanti, biglietti della lotteria istantanea di tipo “Gratta & Vinci” per 500 euro e circa 4mila euro di sigarette. La scena venne immortalata dalle telecamere di sicurezza posizionate all’interno della tabaccheria. Gli investigatori della Polizia Postale di Bari e Foggia hanno quindi identificato gli autori del colpo nell’ambito di una più ampia inchiesta, coordinata dalla Procura di Foggia, su quelle che vengono definite dagli inquirenti cruenti rapine a danno di svariati esercizi commerciali, tra cui gioiellerie e tabaccherie, ubicate anche fuori regione, e autogrill su tratti autostradali pugliesi. Secondo quanto accertato dagli investigatori, le efferate azioni del gruppo criminale, che non lesinava violenze alle vittime, hanno fatto scattare un vero e proprio allarme sociale. Cinquanta gli uomini e dodici gli automezzi della Polizia di Stato impiegati. Gli arrestati, che sono al momento quattro perchè il quinto è tuttora ricercato, sono accusati di rapina aggravata, furto aggravato e ricettazione di autovettura. Secondo gli investigatori, la banda farebbe parte di “un nucleo criminale più corposo che ha destato particolare allarme sociale nel cerignolano per l’efferatezza e la spavalderia con cui colpivano le vittime”.

 

Share Button