Omicidio a Montescaglioso (Mt), martedì l’autopsia sul corpo

Sarà l’autopsia, disposta dal Procuratore di Matera Annunziata Cazzetta e che sarà effettuata domani, a dare indicazioni sull’ora del decesso e su eventuali tracce biologiche lasciate dall’assassino di Luigi D’Aria, il 42enne originario di Grottole, ma residente da anni a Montescaglioso, nel materano, il cui corpo senza vita è stato trovato nella mattinata di domenica in una piccola cunetta di un terreno in contrada Cannezzano.

A fare il macabro ritrovamento il proprietario dello stesso terreno, alle 8 circa, recatosi come ogni mattina nel suo podere: prima ha notato dei teli su di una pianta, avvicinandosi ha poi visto una sagoma umana ed ha pensato ad un manichino, ha rimosso quindi i teli, ha così visto chiaramente che si trattava di un uomo con il corpo cosparso di sangue ed ha allertato i carabinieri.

Sono arrivati prontamente sul posto i militari della Stazione di Montescaglioso e quelli del nucleo operativo radiomobile di Matera che hanno isolato l’area in attesa della scientifica. Dalla prima ispezione cadaverica, si è accertata la presenza di due vistosi squarci nell’addome ed uno alla gola, tali da far pensare ad una vera e propria esecuzione. Si è inoltre potuto affermare che l’omicidio non è avvenuto nello stesso luogo del ritrovamento e risale verosimilmente a circa 12 ore prima (dunque nella notte tra sabato e domenica). A confermare il trasporto anche la presenza di teli di fortuna, di sicuro utilizzati dall’assassino per evitare che potesse lasciare tracce di sangue nel muoversi quasi certamente con una auto (ci sono tracce di pneumatici nella zona del ritrovamento).

Luigi D’Aria, con qualche piccolo precedente penale e qualche difficoltà con la droga, viveva da solo. I carabinieri stanno cercando di ricostruire la vita recente dell’uomo, stanno analizzando i tabulati telefonici ed ascoltando amici e conoscenti della vittima in merito alle ultime frequentazioni. Nel frattempo la certezza che dall’autopsia che sarà effettuata domani arriverano ulteriori.

Share Button