Criminalità mafiosa nel Foggiano. Istituito un reparto di prevenzione a San Severo

Il capo della Polizia, Franco Gabrielli, ha istituito il Reparto Prevenzione Crimine

Francesco Miglio – sindaco di San Severo (FG)

Il capo del Viminale ha accolto così le richieste del sindaco, Francesco Miglio, che aveva lanciato l’allarme dopo che, il 5 marzo 2017, erano stati sparati colpi di pistola contro alcuni mezzi della polizia parcheggiati ed erano stati compiuti diversi episodi criminali, tra cui l’uccisione di marito e moglie (il 24 maggio 2017) in una profumeria, probabilmente nel corso di un regolamento di conti tra bande criminali.

“Con la firma del provvedimento da parte del prefetto Gabrielli” spiega il sindaco Miglio “si conclude positivamente un anno di meticoloso e duro lavoro” cominciato quando “la recrudescenza della criminalità portò la mia persona e parte della nostra Amministrazione Comunale ad iniziare lo sciopero della fame per essere ascoltati dal Ministro dell’Interno Minniti” Iniziativa che portò anche ad una protesta civile in cui migliaia di sanseveresi scesero in piazza per chiedere legalità, ordine e sicurezza.

“In questo momento” prosegue “devo esprimere, a nome di tutta la comunità di San Severo e del territorio della Provincia di Foggia, i ringraziamenti più profondi al Ministro Minniti, alle istituzioni tutte, alle forze di polizia, a quanti hanno dimostrato di voler bene a San Severo ed alla Capitanata, profondendo impegno, energie, acume per assicurare un maggiore controllo e garantire la migliore vivibilità possibile alla nostra gente”. Secondo Miglio, dopo un anno esatto, il Governo “ha mantenuto le promesse”: il Reparto Prevenzione Crimine presto sarà attivo nello stabile di via Guareschi “messo gratuitamente a disposizione dal Comune di San Severo”.

Share Button