Assenteismo. Indagati quattro dipendenti al Policlinico di Bari

La Procura di Bari ha chiuso le indagini preliminari nei confronti di quattro persone, dipendenti del Policlinico di Bari, accusate di concorso in truffa aggravata e false attestazioni.

La Guardia di Finanza ha accertato che nelle ultime settimane del 2014 uno di loro, con la complicità degli altri tre, si sarebbe ripetutamente assentato dal luogo di lavoro per svolgere altrove faccende personali. I finanzieri hanno documentato nell’arco di circa 30 giorni assenze quotidiane di alcune ore. I colleghi strisciavano il suo badge magnetico mentre lui si assentava per andare, per esempio, a prendere caffè con amici.

La vicenda, documentata da intercettazioni telefoniche, è stata scoperta casualmente dagli investigatori baresi che indagavano su un presunto traffico di droga fra Spagna e Italia, nel quale i quattro dipendenti del Policlinico non sono coinvolti.

L’inchiesta sulla droga, chiamata “Lupin”, il 7 novembre scorso ha portato all’arresto di 19 persone e al sequestro di beni per circa 5 milioni di euro. Oggi nei confronti di sei di loro, i cui redditi sono risultati troppo bassi rispetto ai beni posseduti e al tenore di vita, la Gdf ha eseguito ulteriori sequestri preventivi per oltre 2 milioni di euro, ponendo i sigilli a beni mobili e immobili, complessi aziendali, quote societarie e un’imbarcazione

Share Button