Furti nell’area industriale di Tito Scalo (Pz). Sindacati ed rsu preoccupati per ex Firema

Almeno una decina di episodi. E’ la serie di furti registrata in poche settimane nell’area industriale di Tito Scalo, nel potentino, dal 2016 presa di mira da una serie di colpi, il più delle volte sventati – come nel caso di una sparatoria a danno di uno stabilimento del settore grande distribuzione.

Stando ad una ricostruzione dei fatti, pochi giorni fa, nottetempo, quattro persone a volto scoperto sono riuscite a penetrare all’interno dell’ex Firema, azienda produttrice di carrozze ferroviarie, nel 2015 acquisita dalla newco TFA. Portato via un importante quantitativo di rame per diverse migliaia di euro, con inevitabili e serie ripercussioni sul ciclo produttivo dei motori. Sono a rischio 20 lavoratori su 60 totali, già a seguito di mancate commesse ed aggravato dal furto.

Il tutto in una fase molto delicata, dove i sindacati ed rsu di categoria di Cgil, Cisl e Uil premono nel far rispettare gli accordi sottoscritti al Mise e che prevedevano l’integrazione di altre unità nell’arco di 24 mesi.

Sulla questione, mentre sarebbero in corso delle indagini, è intervenuto il primo cittadino di Tito, Scavone, il quale ha chiesto maggiore sicurezza con presidio delle forze dell’ordine.

Share Button