Melfi (PZ). Arrestato un 61enne che, per motivi di eredità ha aggredito i parenti con un’ascia

Durante una lite per motivi di eredità, un uomo di 61 anni di Melfi (Potenza), con precedenti penali, ha aggredito con un’ascia la sorella, un nipote e i Carabinieri intervenuti in seguito a una telefonata fatta al 112 dallo stesso uomo per denunciare che i due parenti si erano impossessati illegalmente di alcuni mobili e suppellettili presenti nella casa un tempo proprietà dei defunti genitori.

L’uomo – che ora si trova ai domiciliari – è accusato di minaccia aggravata e resistenza a pubblico ufficiale e di danneggiamento seguito da incendio poiché i militari dell’Arma hanno scoperto che prima di telefonare al 112 aveva tentato di dar fuoco a un un furgone in uso al nipote e parcheggiato a poca distanza dall’abitazione dove c’è stata l’aggressione. Le fiamme, spente grazie all’intervento di alcuni passanti, hanno danneggiato solo uno pneumatico.

Share Button