Finanza, 243° anniversario: “Reati economici i più insidiosi. Taranto, in azione contro l’usura”

“Non è il momento di fare bilanci, perché l’indagine più importante non è quella fatta, ma quella che stiamo per fare”. E’ il messaggio del colonnello Gianfranco Lucignano, Comandante provinciale Guardia di Finanza di Taranto, per il 243esimo anniversario della fondazione delle Fiamme gialle. L’invito ai suoi uomini ad ottimizzare l’impegno. Una garanzia di legalità alla città.

234 sono gli evasori fiscali totali scoperti dall’inizio dell’anno in Puglia; 980 lavoratori in nero individuati e 288 datori di lavoro verbalizzati; 10 milioni di prodotti falsi sono stati tolti dal mercato illegale; sequestrate oltre 21 tonnellate di droga e arrestati 100 narcotrafficanti. Sono solo alcuni dati dell’attività svolta. Nota dolente, su Taranto, il fenomeno dell’usura: “Nessun miglioramento”.

“Nata come polizia di frontiera, trasformata in polizia tributaria, divenuta polizia economico-finanziaria”, la Guardia di Finanza ha allargato il suo raggio di azione. Proprio in materia economica, “gli illeciti più insidiosi”.

Consegnati infine i brevetti di encomio ai militari che si sono distinti in diverse operazioni.