Bari: nuove misure di sicurezza nel quartiere Libertà, dopo l’arresto di cinque persone che taglieggiavano i commercianti della zona

Un presidio territoriale incrementato e permanente ed una serie di operazioni “ad alto impatto”, la prima delle quali a breve. Questi i due interventi che la Questura di Bari, durante il tavolo tecnico sulla legalità svoltosi ieri, ha deciso di mettere in atto nel quartiere Libertà di Bari, alla luce degli ultimi avvenimenti di cronaca che hanno portato all’arresto di cinque persone legate al clan Strisciuglio. Il primo cittadino, Antonio Decaro, mesi fa, in seguito alle continue denunce dei commercianti del quartiere, chiese aiuto alle forze dell’ordine e all’associazione Antiracket, affinchè intervenissero per eliminare un pezzo di una criminalità organizzata che nuoce fortemente al commercio barese. “Abbiamo tagliato un traguardo importante – ha dichiarato il sindaco Decaro – perchè oggi, a differenza di quanto accadeva in passato, la gente ha imparato a denunciare”. Ma l’azione di contrasto alla criminalità non si ferma qui, infatti l’amministrazione comunale sta portando avanti una serie di indagini sui diversi quartieri, indagini che incrociano dati relativi alla percezione sulla sicurezza, dati legati al numero e alla tipologia di reati commessi e all’estrazione sociale delle famiglie presenti. “In questo modo, possiamo aiutare le forze dell’ordine nel proprio lavoro, attraverso la cosiddetta crime-mapping, una mappa della criminalità” ha concluso il primo cittadino di Bari.

Share Button